https://api.whatsapp.com/send?phone=393343730846&text=Buongiorno%20sto%20navigando%20sul%20vostro%20sito%20e%20vorrei%20maggiori%20informazioni

Crisi da Sovraindebitamento L.n.3/2012

SOVRAINDEBITAMENTO REPORT

PREANALISI GRATUITA DEI CONTRATTI BANCARI E REDAZIONE DI PERIZIA GIURIMETRICA

ASSISTENZA LEGALE A MEZZO PROFESSIONISTI ASSOCIATI

Inviaci una email a assoaisc@gmail.com 

                                                                    ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO                                                                       

                                                                                                    Certificato attribuzione codice fiscale

                                                                                                                                                     

sede principale via A. Diaz, 112 - 81031 Aversa (CE)               

                                                                                           Tel. +39 081 8111557                                                                                                      

assoaisc@gmail.com

aisc@legalpecitalia.it 

CF: 90030580618

  1. Sede principale: Aversa (CE) via A. Diaz, 112 -https://wa.me/393343730846 Presidenza Avv. Luigi Benigno
  2. Sede secondaria: Avv. Marco Caputi Via Giuseppe Re David, 193/B Bari 70125
  3. Sede secondaria: Avv Monica Mandico via Epomeo, 81 Napoli
  4. Sede secondaria: Avv. Marco Andreoli - Riviera di Chiaia,155 Napoli
  5. Sede secondaria: Avv. Caterina Biafora via Luigi Leonardo Colli n. 20 - Torino
  6. Sede secondaria: Avv. Laura Tota via Firenze 37, Andria (BT)
  7. Sede secondaria: Avv. Elisa Fornaciari Piazza Guido Monaco, n 1/a 52100 Arezzo 
  8. Sede secondaria: Dott.ssa Elisabetta Russo - Via Chiunzi 156, Tramonti (SA) 
  9. Sede secondaria: Avv. Adelaide Perotti via Panoramica ,33 lotto A/33 Salerno
  10. Sede secondaria: Avv. Ernesto Palumbo via G. Gentile, 2 - 81031 Aversa (CE) 

RISPARMIATORI SUL PIEDE DI GUERRA: E' BOOM DI CAUSE CONTRO LE BANCHE

RISPARMIATORI SUL PIEDE DI GUERRA: E' BOOM DI CAUSE CONTRO LE BANCHE
In Italia, un Paese in cui "la tutela dei risparmiatori è affidata esclusivamente ai Tribunali", per via della crisi economica sta aumentando "moltissimo" la domanda di tutela legale da parte di risparmiatori, e di imprenditori, che intendono fare causa alle banche.
Le sentenze di condanna nei confronti delle banche sono ormai numerosissime e, con la crisi, la domanda di tutela sta aumentando moltissimo". Del resto il risparmiatore in Italia ha poche alternative al Tribunale: se si invia una raccomandata alla banca chiedendo la restituzione delle somme indebitamente trattenute in relazione, per esempio, ai conti affidati, l'istituto "risponde con una lettera studiata in cui si sostiene che nulla è dovuto. Non ho mai saputo di una banca che restituisca i soldi, perché sanno bene che conviene resistere finché non c'è una sentenza di condanna". Il motivo è semplice: le banche sanno "che, per uno che fa causa, altri mille subiranno senza protestare".
Quasi tutte le banche, specie nei conti correnti affidati, inseriscono arbitrariamente addebiti come 'spese di gestione fido' o 'diritti di segreteria' che non sono assolutamente dovuti, che possono variare tra 30 e 50 euro che, moltiplicati per milioni di clienti, danno un grosso risultato".
Insomma, "continuano ad inserire nei conti, approfittando dell'ignoranza dei clienti, somme non dovute". Per di più, gli istituti "non rispettano quasi mai il tasso pattuito. Viene convenuto un certo tasso, creditore o debitore, con il cliente, e poi, dopo venti o trenta giorni viene modificato unilateralmente approfittando di un buco legislativo, l'articolo 118 del Testo Unico Bancario, che prevede lo ius variandi.
In relazione ai principi generali del nostro ordinamento, è consentito a determinate condizioni, che loro non rispettano mai".
Le condanne di banche, "oramai sono migliaia, ma ciò nonostante l'autorità di vigilanza non interviene con l'energia che la situazione imporrebbe".
La normativa sulla class action ancora in stand by, una volta che verrà tramutata in legge, potrà "sicuramente aiutare, perché attraverso le associazioni si possono promuovere con costi limitatissimi, azioni di interesse generale che obbligano un determinato istituto a comportamenti più regolari". La speranza è quella di poter così ottenere "una sentenza di risarcimento dei danni nei confronti di tutti coloro che hanno subito danni dai comportamenti che vengono dichiarati illegittimi dalla sentenza che segue l'azione collettiva. Stanno cercando di snaturare e limitare la norma: bisogna aspettare. Continuano a rinviarla, perché hanno timore di questo strumento. La lobby bancaria è potentissima" se non ci si rivolge ad un legale.

La nostra società valuta tutte le richieste della Vostra clientela gratuitamente.
Scrivere a : l.benigno@lbconsultingsas.it

Cordiali saluti

Visualizzazioni: 19

Commento

Devi essere membro di Associazione intermediari specialisti del credito (A.I.S.C.) per aggiungere commenti!

Partecipa a Associazione intermediari specialisti del credito (A.I.S.C.)

Info su

Tematiche concernenti l'accesso al credito, le difficoltà del rapporto con gli Istituti, la tutela del risparmio e del consumatore

© 2019   Creato da A.I.S.C..   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio