Crisi da Sovraindebitamento L.n.3/2012

SOVRAINDEBITAMENTO REPORT

PREANALISI GRATUITA DEI CONTRATTI BANCARI E REDAZIONE DI PERIZIA GIURIMETRICA

ASSISTENZA LEGALE A MEZZO PROFESSIONISTI ASSOCIATI

Inviaci una email a assoaisc@gmail.com 

                                                                    ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO                                                                       

                                                                                                    Certificato attribuzione codice fiscale

                                                                                                                                                     

sede principale via A. Diaz, 112 - 81031 Aversa (CE)               

                                                                                           Tel. +39 081 8111557                                                                                                      

assoaisc@gmail.com

aisc@legalpecitalia.it 

CF: 90030580618

  1. Sede principale: Aversa (CE) via A. Diaz, 112 - Presidenza Avv. Luigi Benigno
  2. Sede secondaria: Avv. Marco Caputi Via Giuseppe Re David, 193/B Bari 70125
  3. Sede secondaria: Avv Monica Mandico via Cimarosa 182 Napoli
  4. Sede secondaria: Avv. Marco Andreoli - Riviera di Chiaia,155 Napoli
  5. Sede secondaria: Avv. Caterina Biafora via Luigi Leonardo Colli n. 20 - Torino
  6. Sede secondaria: Avv. Laura Tota via Firenze 37, Andria (BT)
  7. Sede secondaria: Avv. Elisa Fornaciari Piazza Guido Monaco, n 1/a 52100 Arezzo 
  8. Sede secondaria: Dott.ssa Elisabetta Russo - Via Chiunzi 156, Tramonti (SA) 
  9. Sede secondaria: Avv. Adelaide Perotti via Panoramica ,33 lotto A/33 Salerno
  10. Sede secondaria: Avv. Ernesto Palumbo via G. Gentile, 2 - 81031 Aversa (CE) 

Istat, 11,9% famiglie in gravi difficoltà nel 2016

Povertà, Istat: 11,9% famiglie in gravi difficoltà economiche

Istat, 11,9% famiglie in gravi difficoltà nel 2016


Istat: l'11,9% degli italiani vive in famiglie con disagi economici


"Secondo i dati provvisori del 2016" la quota di persone in famiglie in gravi difficolta' economiche "si attesta all'11,9%, sostanzialmente stabile rispetto al 2015". Lo riferisce il direttore del Dipartimento per la produzione statistica dell'Istat, Roberto Monducci, nell'audizione sul Def davanti alle commissioni Bilancio di Senato e Camera. "Tra il 2015 e il 2016 l'indice peggiora per le persone anziane (65 anni e piu') da 8,4% a 11%" e "per chi vive in famiglie con persona di riferimento in cerca di occupazione (da 32,1% a 35,8%)". Mentre risulta "in lieve diminuzione rispetto agli anni precedenti" la quota per il 2016 di popolazione con meno di 18 anni: "1 milione 250 mila minori, pari al 12,3 per cento". Questi dati "confermano dunque l'urgenza degli interventi previsti dal Governo per il contrasto alla poverta'".

 

Per l'Istat, dunque, "nonostante il miglioramento delle condizioni economiche delle famiglie, nel 2016 non si e' osservata una riduzione dell'indicatore di grave deprivazione materiale, corrispondente alla quota di persone in famiglie che sperimentano sintomi di disagio". Piu' in generale, "si confermano gli elevati valori di disagio economico per le famiglie residenti nel Mezzogiorno (la quota delle persone gravemente deprivate e' oltre tre volte quella del Nord), per le famiglie monogenitore con figli minori (17,5%) e tra i membri delle famiglie con a capo una persona in cerca di occupazione (35,8%), in altra condizione non professionale (a esclusione dei ritirati dal lavoro) o con occupazione part time (22,8% e 16,9% rispettivamente)".


 

POVERTA': ISTAT, 11,9% FAMIGLIE IN GRAVE DIFFICOLTA' ECONOMICA NEL 2016

 

''Sappiamo che il governo ha messo in campo una serie di provvedimenti importantissimi per quanto riguarda la lotta alla povertà'', afferma il direttore del dipartimento dell'Istat. ''Nonostante il miglioramento delle condizioni economiche delle famiglie non si è osservata una riduzione dell'indicatore di grave deprivazione materiale. Si tratta della quota di persone che sperimentano sintomi di disagio di vario tipo'' che, secondo i dati provvisori del 2016 ''è stabile'' rispetto all'anno precedente. Nonostante ''migliora il mercato del lavoro, crescita economica e la disuguaglianza -osserva il direttore- rimane stabile questa quota che percepisce gravi difficoltà''. In particolare nell'ultimo anno questo indice ''peggiora soprattutto per le persone anziane: la percezione degli anziani sta aumentando''.

Visualizzazioni: 26

Rispondi

Info su

Tematiche concernenti l'accesso al credito, le difficoltà del rapporto con gli Istituti, la tutela del risparmio e del consumatore

© 2018   Creato da A.I.S.C..   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio