Crisi da Sovraindebitamento L.n.3/2012

SOVRAINDEBITAMENTO REPORT

ANALISI GRATUITA DEI CONTRATTI BANCARI E REDAZIONE DI PERIZIA ECONOMETRICA

ASSISTENZA LEGALE A MEZZO PROFESSIONISTI ASSOCIATI

Inviaci una email a backofficeaisc@gmail.com 

                                  ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO                                                                       

                                                               

Certificato attribuzione codice fiscale                                                                                                                                                                         CONVENZIONI ASSOCIATI

TEL. +39 08118532283                                                                                                                                                                                                       AXA ASSICURAZIONI

Fax: +39 0810060323                                                                                                                                                                                                        TUTELA LEGALE

  1. Sede legale e principale: Aversa (CE) via della Libertà 14 bis (adiacente metro Aversa centro) 
  2. Sede secondaria: STUDIO LEGALE CAPUTI - Avv. Marco Caputi Via Giuseppe Re David, 193/B Bari 70125

Le banche chiedono gli interessi sugli interessi e il giudice le condanna a pagare 150 mila euro

Le banche chiedono gli interessi sugli interessi e il giudice le co...

31 marzo 2014 - aggiornato alle 19:08

GROSSETO – Saranno costrette a pagare 150 mila euro. Così ha deciso il giudice Giulia Conte condannando quattro istituti di credito alla restituzione ad un correntista di € 150.000 (capitale + interessi) causa “anatocismo indebito” (l’anatocismo sono gli interessi sugli interessi).

Le banche in questione sono banca Antonveneta, banca Popolare dell’etruria e del Lazio, Monte dei Paschi e banca di Roma (Capitalia). La società, assistita dall’avvocato Roberto Vannetti, aveva richiesto la restituzione delle somme pagate indebitamente a vari istituti di credito dall’applicazione dell’anatocismo. Le banche aveva risposto precisando che i “rapporti di conto corrente facenti capo alla società non erano stato trasfusi nella nuova società che è poi quella che ha agito in giudizio”. In realtà la società che nasce dalla fusione, o quella incorporante “assumono i diritti e gli obblighi delle società partecipanti alla fusione”. La società in questione non si era estinta ma solo modificata in un altro soggetto giuridico.

In realtà il codice civile, come anche la Suprema Corte, ritiene che “gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, e sempre che si tratti di interessi dovuti da almeno sei mesi”. Stabilendo così la nullità delle clausole anatocistiche bancarie. I clienti si sarebbero adeguati alla clausola non perché riconosciuta conforme alla norma, ma perché semplicemente compresa tra i moduli proposti dall’istituto di credito. Se la causa per chiedere la nullità della clausola è imprescrittibile, l’azione per la restituzione di quanto indebitamente pagato ha una prescrizione decennale. Il giudice ha condannato le banche anche al pagamento delle spese legali per 18 mila euro.

 

Visualizzazioni: 71

Commento

Devi essere membro di Associazione intermediari specialisti del credito (A.I.S.C.) per aggiungere commenti!

Partecipa a Associazione intermediari specialisti del credito (A.I.S.C.)

Info su

Tematiche concernenti l'accesso al credito, le difficoltà del rapporto con gli Istituti, la tutela del risparmio e del consumatore

© 2018   Creato da A.I.S.C..   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio