https://api.whatsapp.com/send?phone=393343730846&text=Buongiorno%20sto%20navigando%20sul%20vostro%20sito%20e%20vorrei%20maggiori%20informazioni

Crisi da Sovraindebitamento L.n.3/2012

SOVRAINDEBITAMENTO REPORT

PREANALISI GRATUITA DEI CONTRATTI BANCARI E REDAZIONE DI PERIZIA GIURIMETRICA

ASSISTENZA LEGALE A MEZZO PROFESSIONISTI ASSOCIATI

Inviaci una email a assoaisc@gmail.com 

                                                                    ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO                                                                       

                                                                                                    Certificato attribuzione codice fiscale

                                                                                                                                                     

sede principale via A. Diaz, 112 - 81031 Aversa (CE)               

                                                                                           Tel. +39 081 8111557                                                                                                      

assoaisc@gmail.com

aisc@legalpecitalia.it 

CF: 90030580618

  1. Sede principale: Aversa (CE) via A. Diaz, 112 -https://wa.me/393343730846 Presidenza Avv. Luigi Benigno
  2. Sede secondaria: Avv. Marco Caputi Via Giuseppe Re David, 193/B Bari 70125
  3. Sede secondaria: Avv Monica Mandico via Epomeo, 81 Napoli
  4. Sede secondaria: Avv. Marco Andreoli - Riviera di Chiaia,155 Napoli
  5. Sede secondaria: Avv. Caterina Biafora via Luigi Leonardo Colli n. 20 - Torino
  6. Sede secondaria: Avv. Laura Tota via Firenze 37, Andria (BT)
  7. Sede secondaria: Avv. Elisa Fornaciari Piazza Guido Monaco, n 1/a 52100 Arezzo 
  8. Sede secondaria: Dott.ssa Elisabetta Russo - Via Chiunzi 156, Tramonti (SA) 
  9. Sede secondaria: Avv. Adelaide Perotti via Panoramica ,33 lotto A/33 Salerno
  10. Sede secondaria: Avv. Ernesto Palumbo via G. Gentile, 2 - 81031 Aversa (CE) 
Egr. Collega, con l’emanazione del Decreto Legislativo nr.103/2010 del 30/07/2010 in attuazione della direttiva 2008/48/CE, è stato regolamentato il settore del credito e il ruolo dell’operatore del credito.
E’ evidente che l’esigenza di una regolamentazione è scaturita dalla totale anarchia che ha governato il settore del credito.
I punti salienti, oltre alle giuste tutele e garanzie per il consumatore, concernono la riorganizzazione degli operatori del settore.
In particolare vediamo di cosa si tratta:
1. È stata momentaneamente sospesa la richiesta di iscrizione all’Albo dei Mediatori Creditizi; per le future iscrizioni dovrà sostenersi apposito esame come avviene attualmente per i Promotori Finanziari. Ciò a garanzia della professionalità dell’intermediario del credito.
2. È stata definita l’incompatibilità della contemporanea iscrizione nell’albo dei Mediatori creditizi e degli Agenti in attività finanziaria (il mediatore non potrà essere agente e viceversa);
3. L’attività di mediazione creditizia potrà essere esercitata attraverso società di capitale con adeguate garanzie patrimoniali (capitale sociale e polizza responsabilità professionale);
4. È stato introdotto il concetto di “commissione di mediazione usuraria” procedendo Banca d’Italia alla rilevazione delle commissioni medie di mediazione percepite dagli intermediari del credito; ciò condurrà ad una riduzione delle commissioni applicabili su ciascuna operazione;
5. È stato stabilito il ristorno dei costi maturandi per le operazioni a rate ricorrenti; commissione provvigionale e premio assicurativo; ciò condurrà ad una generale diminuzione delle commissioni applicabili e ad un frazionamento dell’incasso delle commissioni. La società/banca erogante dovrà garantire il rimborso parziale delle commissioni in caso di surroga o estinzione anticipata del finanziamento; è evidente che anziché ripetere le commissioni già versate, gli enti eroganti frazioneranno la corresponsione a favore dell’intermediario.
6. È stato istituito un Organismo di regolamentazione e controllo degli intermediari del credito che vigilerà sulla permanenza dei requisiti professionali per gli iscritti e sulla correttezza nell’espletamento dell’attività.

E’ evidente che, con l’emanazione dei decreti attuativi, il settore subirà un profondo stravolgimento e molti operatori non potranno più esercitare.

I rapporti di collaborazione tra questa società e i suoi collaboratori dovranno assumere connotati di maggiore integrazione e partecipazione prevedendo delle rappresentanze espresse.

In virtù di quanto sin qui espresso è opportuno che ciascuno comunichi la volontà di intraprendere o meno un rapporto di collaborazione come sopra definito.

Coloro che intendano continuare con un rapporto molto aleatorio e libero, potranno, se vorranno, assurgere a segnalatori di richieste subito dopo l’emanazione dei decreti attuativi.

Buon lavoro

Visualizzazioni: 20

Commento

Devi essere membro di Associazione intermediari specialisti del credito (A.I.S.C.) per aggiungere commenti!

Partecipa a Associazione intermediari specialisti del credito (A.I.S.C.)

Info su

Tematiche concernenti l'accesso al credito, le difficoltà del rapporto con gli Istituti, la tutela del risparmio e del consumatore

© 2019   Creato da A.I.S.C..   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio